Generatori di ozono
Casa Le ultime recensioni

Generatori di ozono: quale comprare

Dopo la prima, devastante ondata di Covid-19 in Europa, la sanificazione degli ambienti è diventata una questione ancora più prioritaria. Uno strumento utile alla causa sono senz’altro i generatori di ozono, che permettono una disinfezione efficace e molto rapida. In questo articolo faremo un salto nel mondo dei generatori ozono per scoprirne le proprietà ed il contributo che questi strumenti possono dare ad un contesto domestico o lavorativo.

Ma prima di tutto: cos’è l’ozono?

E’ la molecola triatomica dell’ossigeno, un gas instabile a bassa densità. Questo è presente allo stato naturale nell’atmosfera e allo stato normale è incolore. Può essere creato anche artificialmente tramite la scomposizione della molecola di ossigeno tramite una scarica elettrica. E’ un potente ossidanti che permette di distruggere con estrema efficacia funghi, virus, batteri e molti altri agenti organici.

Al termine dell’azione disinfettante, si potrà riscontrare immediatamente come l’ambiente risulti subito deodorato, con un’aria leggera e pulita libera dalle sostanza in sospensione che generalmente infastidiscono (seppur quasi impercettibilmente) il processo di respirazione.

Quali sono i vantaggi di avere generatori di ozono?

Molteplici. Innanzitutto, il macchinario assicura un’incredibile efficacia ossidante e sanificante sull’aria e su tutte le superfici sulle quali viene impiegato. Tutti gli odori, inoltre, vengono assorbiti ed in seguito eliminati. Penserai che da ciò consegue la formazione di residui tossici; ebbene, ciò è totalmente falso.

Il generatore di ozono non rilascia alcun residuo chimico secondario ed è totalmente ecologico. Ne è prova la certificazione GRAS rilasciata dall’ente americano Food and Drug Administration (FDA).

Per quanto riguarda il nostro Paese, il sistema di pulizia ad ozono è stato riconosciuto dal Ministero della Sanità nel 1996 come presidio naturale per la sterilizzazione degli ambienti contaminati da batteri, virus, spore ed infettati da piccoli organismi quali acari ed insetti.

Entità come i germi ed i parassiti non sono visibili ad occhio nudo e si insidiano dunque con estrema facilità negli ambienti in cui viviamo, facendo proliferare gli agenti patogeni. L’ozono agisce sia nell’aria che nell’acqua, sterilizzando ed igienizzando a fondo senza aver bisogno di essere combinato a prodotti chimici. Poi, essendo più pesante dell’aria, penetra facilmente nelle cavità e in piccole tane, lì dove si nascondono insetti e roditori.

Gestione di un generatore d’ozono

L’ozono non è però immagazzinabile né trasportabile, in quanto ha un ciclo vitale di durata estremamente limitata. Va dunque necessariamente prodotto al momento, poiché nel giro di poco tempo ritorna ossigeno. Chimicamente, il suo effetto contro i cattivi odori si spiega con la proprietà dell’ozono di legarsi rapidamente alle molecole di sostanze organiche ed inorganiche, neutralizzandole.

L’ozono è poi in grado di ossidare molti composti organici in anidride carbonica, acqua ed altri composti innocui. I pesticidi, venendoci a contatto, saranno distrutti o trasformati. Nel processo di ossidazione, l’ozono può abbattere i legami molecolari dei pesticidi e decomporne la formula chimica, trasformandola in una non tossica.

Dall’ozono, ovviamente, deriva anche la miracolosa acqua ozonizzata, che si forma semplicemente aggiungendo dell’acqua all’ozono. Il composto ha un potere di ossidazione molto potente ed è adatto alle più svariate applicazioni.

Impiego dei generatori di ozono

Un generatore ozono può essere utilizzato in qualsiasi ambito dove si vuole intervenire per sanificare oppure eliminare odori. In un ambiente domestico dunque, ma anche industriale. Qualche esempio? Eccolo:

  • disinfezione dell’acqua in piscine, destinata all’imbottigliamento o negli acquedotti
  • sterilizzazione di superfici a contatto con gli alimenti
  • disinfezione di aria, frutta o verdura per neutralizzare muffe e lieviti
  • ossidazione di inquinanti chimici dell’acqua come arsenico ed acido solfidrico
  • pulizia e sbiancamento dei tessuti
  • abrasione in superficie di materiali plastici per consentire l’adesione di altre sostanze o modificare il livello di biocompatibilità
  • invecchiamento accelerato di gomme o plastica per testarne la resistenza nel tempo

Industrialmente, l’ozonizzatore viene impiegato per il trattamento della cellulosa, nella metallurgia per la produzione di caolino e le rimozione ferrose, nel settore farmaceutico per la sintesi proteica e nel tessile per, come anticipavamo poc’anzi, un efficace sbiancamento dei tessuti.

A quali altre attività si addicono i generatori di ozono?

Principalmente, ai settori turistici ed alberghieri. Oggi più che mai, punti di assembramento come hotel, ristoranti, mense, bar e bed & breakfast hanno estremo bisogno di un arnese del genere. Tralasciando la questione legata alle scorie post Coronavirus, l’ozonizzatore permette di garantire agli ospiti degli ambienti perfettamente igienizzati ed inodori.

Inoltre, è fondamentale che il generatore di ozono sia presente negli spazi chiusi di case di cura e di riposo, presidi sanitari, sale d’attesa, centri estetici ed aule varie. Anche per questo motivo, l’apparecchio è entrato da qualche anno ormai stabilmente all’interno dell’arsenale delle migliori imprese di pulizia.

Come scegliere generatori di ozono per casa o lavoro

Queste macchine sono progettate e consigliate per un uso professionale, ma ognuna è adatta a degli specifici utilizzi.

Generalmente, si ritiene che 1 grammo/ora di ozono sia indicato per circa 10 metri cubi a 20 gradi di temperatura per sanificare l’ambiente in 30 minuti. A parità di temperatura, la concentrazione d’ozono si dimezza naturalmente in circa 40 minuti. Nel caso in cui si voglia rilevare la concentrazione di ozono presente nell’aria durante il trattamento, si può acquistare uno strumento professionale per la misurazione.

Ulteriori differenze consistono negli ozonizzatori per aria e quelli per acqua. I primi possono essere impiegati in ambienti con umidità ambientale sino al 60%, mentre i secondi hanno una tolleranza che tocca il 90%.

Normalmente, ognuno di questi dispositivi è dotato di un timer analogico o digitale per impostare e monitorare continuamente la durata del trattamento. Quando il generatore di ozono è in funzione, le porte dell’ambiente devono essere obbligatoriamente chiuse, così come le finestre. Persone ed animali devono allontanarsi il più possibile dall’area interessata, per poi rientrarvi solamente quando l’ozono si sarà ritrasformato in ossigeno.

L’acquisto di un generatore comporta tantissimi punti a favore, come l’efficacia assoluta di un trattamento correttamente seguito. Non c’è poi bisogno di una manutenzione ordinaria, così come dell’inserimento di una sostanza chimica. Il costo di produzione è praticamente nullo, scartando quello dell’energia elettrica che serve ad alimentare il macchinario.

Inoltre, come dicevamo prima, non è richiesta la presenza (che è assolutamente sconsigliata in realtà) di un personale durante l’operazione. Una volta impostato il ciclo di pulizia dell’aria, l’ozonizzatore farà tutto da solo fino al compimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *